Welcome Home

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed sagittis lobortis vehicula. In tincidunt nisi id neque sodales, quis placerat arcu ullamcorper. Duis elementum hendrerit purus et molestie.

Get startedNext slide

nature.

Events

Community

Classroom

Shop

La terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva (TNPEE) è una figura professionale che si occupa della presa in carico globale del bambino che presenta difficoltà motorie, cognitive, comportamentali ed emotivo-sociali mediante la predisposizione e la realizzazione pratica di un progetto riabilitativo individuale, la definizione delle aree di intervento specifiche, degli obiettivi a breve e lungo termine e dei tempi e delle modalità di erogazione degli interventi.

L’intervento psicomotorio si rivolge al bambino nella sua globalità fisica, mentale, affettiva, comunicativa e relazionale e coinvolge l’intero contesto di vita del soggetto a livello familiare, scolastico e sociale.

Questo tipo di intervento copre una fascia d’età che va dalla prima infanzia (0-3 anni), all’età pediatrica (4-9 anni), fino all’adolescenza e si rivolge a soggetti che presentano:

  • ritardi psicomotori generali
  • disturbi della coordinazione motoria
  • deficit di attenzione e/o iperattività
  • ritardi cognitivi
  • ritardi del linguaggio
  • difficoltà visuo-spaziali, visuo-percettive e grafo-motorie
  • disturbi dello spettro autistico
  • patologie neuromotorie e sindromi genetiche.

La TNPEE si occupa anche di casi in cui non ci sia una diagnosi certa ma nei quali il disagio presente origina o coinvolge la dimensione corporea e interattiva.

Attraverso il rapporto privilegiato terapista-bambino e la specificità del setting, ovvero dello spazio di lavoro terapeutico, la seduta psicomotoria si serve di attività ludiche specifiche per ogni bambino e per ogni fascia di età focalizzandosi sulla sperimentazione corporea, sensoriale, percettivo-motoria, sulla regolazione emotiva e sull’incremento delle capacità cognitive per creare schemi funzionali di contenuto cognitivo-motorio che il bambino possa esportare fuori dalla stanza di terapia in un’ottica di risorsa fruibile nel suo percorso di crescita.

Il fine ultimo è quello di promuovere la miglior qualità di vita possibile per il soggetto, facilitandone l’integrazione e lo sviluppo delle competenze emergenti.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

info@cittadiopera.it